Mangiare in un palazzo storico in Salento: 5 locali dove il tempo sembra essersi fermato

Pubblicato il 4 aprile 2022

Mangiare in un palazzo storico in Salento: 5 locali dove il tempo sembra essersi fermato

Volti a botte o a stella, alti soffitti, pareti in pietra leccese, arnesi d’altri tempi diventati oggi preziosi oggetti d’arredo e stemmi antichi sono solo alcuni degli elementi che concorrono a donare atmosfere suggestive e speciali a un ristorante che nasce all’interno di un palazzo storico. Edifici antichi che negli anni hanno cambiato destinazione d’uso, senza mai perdere il fascino originario, e che sono stati ristrutturati prestando attenzione a preservarne le caratteristiche intrinseche. Vieni con me, ti porto a cena in 5 locali del Salento dove il tempo sembra essersi fermato.

A Campi Salentina, in una manifattura tabacchi del ‘700


Antico e moderno possono stare bene insieme. La prova tangibile ce la dà La Locanda di Campi Salentina, una trattoria, aperta dalla scorsa estate, in cui convivono le due anime.
Nonostante un accurato restauro, infatti, sono rimasti intatti i tratti distintivi dell’antico palazzo del Settecento che ospita questo locale, un tempo manifattura tabacchi (parlo delle volte a botte e delle pareti in pietra leccese); d’altro canto, invece, la filosofia di cucina segue uno stampo giovane, creativo e di qualità, grazie allo “zampino” dei titolari, i fratelli Mignone. Una ventata d’aria fresca di cui avevamo bisogno.
Via Raffaele Maddalo, 35 - Campi Salentina (LE) – Tel. 3483166735

A Felline, in un ex palazzo vescovile del ‘600


Dobbiamo tornare indietro di un secolo se vogliamo datare la struttura che ospita l’Antico Monastero di Felline. Un ristorante, oggi meta prediletta di buongustai di tutta Italia, che vanta trascorsi da convento di suore e in seguito da residenza estiva del Vescovo de Rinaldis, come dimostra lo stemma vescovile tutt’oggi visibile all’ingresso.
In questo locale, che quest’anno festeggia 25 anni di attività, oltre all’atmosfera si gode anche per la buona e rassicurante cucina, che prende spunto dalla tradizione per osare e spingersi sempre oltre. Il ristorante riapre per Pasqua dopo un periodo dedicato a lavori di ristrutturazione.
Piazza Castello, Alliste (LE) – Tel. 0833985105

A Manduria, in una masseria del ‘700


Continuiamo il nostro viaggio nel passato facendo tappa nella capitale del primitivo, a Manduria, dove non possiamo che granare gli occhi di fronte alla Masseria del Sale, un’antica masseria del ‘700 finemente ristrutturata e circondata dalla natura, tra ulivi secolari e muretti a secco, che ospita l’omonimo ristorante. La sala interna, invece, in pietra e tufo, è caratterizzata dalla presenza di tre navate dove nella prima regna un enorme camino con zona salotto, illuminazione rigorosamente soffusa e grandi tavole rotonde sulle quali vengono servite pietanze che coniugano armoniosamente tradizione e innovazione.
Via per Lecce km 2,000 - Manduria (TA) – Tel. +39 349 3871021

A Racale, in un palazzo cinquecentesco 


Intriso di fascino anche il ristorante Il Giardino dei Tolomei di Racale, situato all’interno del palazzo cinquecentesco che ospitava la dimora della nobile Porzia Tolomei. La più illustre e potente famiglia di Siena, infatti, il cui stemma con le tre mezze lune crescenti spicca sul portale del ristorante, contribuì a rendere questo paesino famoso non solo nel Salento ma ben oltre. A renderlo celebre oggi, invece, una cucina mediterranea, perlopiù a base di pesce freschissimo, fatta di ingredienti genuini e fantasia.
Via Regina Margherita, 32 – Racale (LE) – Tel. 3249241810

A Surbo, in una torre masseria del XVI secolo


L’ultima fermata è a pochi chilometri da Lecce, nei pressi di una torre fortificata del XVI secolo attorno alla quale sorge la Masseria Melcarne. Costruita inizialmente come torre di avvistamento e quindi con funzione di difesa, è stata nel tempo trasformata in una residenza signorile di campagna. Oggi in questo territorio, impreziosito da 65 ettari di ulivi, tra i due mari, la medioevale Abbazia di Cerrate, il Parco naturale di Rauccio e le bellezze barocche di Lecce, troviamo l’omonima azienda agrituristica, condotta dalla famiglia Leo, la cui mission è far vivere agli ospiti l’accoglienza di un ristoro naturale nel verde degli ulivi e partecipare dei tesori di una cucina che compendia sapori antichi tramandati da generazioni.
Strada Provinciale 93, km 5 Torre Rinalda Surbo (LE) – Tel. 368958324

Immagine di copertina Masseria Melcarne foto da Facebook
Immagini interne tratte dalle pagine FB dei rispettivi locali o dalla gallery 2night 


 

  • RISTORANTI ROMANTICI

scritto da:

Laura Sorlini

Vanta un’esperienza giornalistica competente e versatile maturata in anni di redazione. Appassionata di enogastronomia e turismo e sommelier, è alla continua ricerca di aspetti ed eventi da raccontare nelle rubriche che cura periodicamente per alcune delle più autorevoli riviste di settore.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Enoturismo, è boom delle vacanze tra cantine e filari

La passione è tale che Airbnb ha lanciato tra le opzioni di soggiorno la soluzione “Vigneto”.

LEGGI.
×