La Top 10 dei migliori ristoranti per Forbes (a cui inviare lettere d'amore)

Pubblicato il 27 gennaio 2022 alle 04:24

La Top 10 dei migliori ristoranti per Forbes (a cui inviare lettere d'amore)

Lettere d'amore di Forbes ai ristoranti lodevoli ma in difficoltà. Ecco la Top 10. 3 sono italiani.

In un articolo di Forbes del 23 dicembre 2021, si scopre che Ann Abel, giornalista specializzata in turismo che scrive per la testata, ha scritto "Lettere d’amore ai ristoranti", stanca di vederli chiudere uno dopo l'altro in questo difficile periodo pandemico. 

Come scrive Ann Abel, con riferimento ai ristoranti scelti nella sua classifica: "Tutti mi hanno ricordato l'origine della parola ristorante: restaurare, curare, far sentire completo."

La top 10 di Forbes dei ristoranti a cui dedicare lettere d'amore 

E così facendo stila la sua personale Top 10 contenente i ristoranti in cui l’ospitalità e il buon cibo fanno innamorare (da qui l'idea della lettera d'amore). Tra i Paesi con il più alto numero di ristoranti lodevoli per la Abel c'è proprio l'Italia, a pari merito con il Portogallo. Entrambe presentano 3 ristoranti in classifica. 

Entrano nella Top 10 anche Spagna, Stati Uniti, Armenia e Romania. 

Ecco la classifica completa

1 - Italia. Agriturismo Ramusè, Ascoli Piceno (AP). Ristorante che esalta il tartufo locale immerso nell'agriturismo contente quattro camere ricavate nel casolare dei nonni di Paolo Ciccioli, il proprietario. Il ristorante propone un menu che si basa sui prodotti locali coltivati nella sua azienda agricola o in quelle dei suoi vicini. Ad aver colpito Abel è proprio tutto ciò che ruota intorno al tartufo. Menzione d’onore della giornalista anche la struttura, realizzata con materiali naturali e arredata con mobili d’epoca.

2 - Italia. U Locale, Buccheri (SR). Guidato dallo chef pippo Formica e dal fratello Salvatore dalla personalità eclettica rispecchiata anche nell’arredamento del locale. Il ristorante è ospitato in una costruzione in disuso recuperata nel 1990, piena di ritagli di giornali e certificati. Tra i piatt da assaggiare per la giornalista: il cinghiale (anche se non ha avuto modo di assaggiarlo), la pasta al pomodoro e un semplice uovo con tartufo. 

3 - Italia. Vespasia a Norcia. La parola chiave del nostrano Vespasia è "sostenibilità". Una stella Michelin, una chef giapponese e uno chef pugliese, una famiglia che si occupa di ristorazione e ospitalità dal 1850, un palazzo storico e delle camere che appartengono al circuito Relais & Châteaux. A guidare la struttura ci sono i fratelli Vincenzo e Federico Bianconi, mentre la cucina è affidata a Fumiko Sakai e Fabio Cappiello che contaminano i piatti tradizionali umbri con le loro esperienze passate e i sapori delle loro origini. 

4 - Portogallo. Alameda a Faro. La cucina è curata da Rui Sequeira, ex due stelle Michelin che un giorno decide di abbandonare l’alta gastronomia e aprire il suo ristorante vista oceano. La tecnica resta quella del fine dining, ma piatti e menù si basano sulla semplicità e sugli ingredienti locali. 

5 - Portogallo. Pico della Azores Wine Company a Pico. Il ristorante offre la possibilità di degustare il meglio delle Azzorre in abbinamento ai vini locali in un contesto conviviale e di condivisione. Il ristorante si trova immerso nei vigneti, che sono tra l’altro anche patrimonio Unesco. 

6 - Portogallo. Herdade da Malhadinha Nova ad Albernoa. Struttura ricettiva, cantina e ristorante fortemente incentrata sulla sostenibilità. Qui Ann Abel ha avuto la possibilità di fare un pic nic nei vigneti, dopo una gita in carrozza. Le specialità portoghesi condivise con amici vecchi e nuovi e i pomeriggi soleggiati hanno contribuito a far spiccare questa realtà.

7 - Armenia. Tsaghkunk, a circa un’ora dalla capitale armena Erevan. È stato protagonista di un evento con lo chef Mads Refslund, co-fondatore del «Noma» di Copenaghen. Scopo della collaborazione era dare lustro alla gastronomia locale. 

8 - Romania. Transilvania. Viscri 125. La cena ad Ann Abel è stata servita in uno dei fienili del villaggio. I piatti tipici (tra cui zuppe, torte salate e legumi) sono stati preparati con verdure quasi dimenticate e coltivate negli orti degli abitanti, una vera e propria esperienza corale.

9 - Spagna. Noor a Cordoba. Lo chef e “archeologo gastronomico” Paco Morales trasporta i suoi ospiti in un viaggio nelle tradizioni andaluse del passato. 

10 - Stati Uniti. New Mexico. Bar Castañeda. Guidato dallo chef Sean Sinclair e dalla moglie Katey. Il ristorante propone un menù fatto di piatti locali, ma anche reinterpretazioni o ricette inusuali per la zona – come un fish and chips delizioso – preparati con ingredienti di stagione e del territorio.


Crediti foto: Agriturismo Ramuse pagina Facebook

  • NOTIZIE
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×